• In fondo mi chiedo se il vero movimento del mondo non sia proprio il canto.

Muriel Barbery

SHARE

Curiosità

Musicista a 360 gradi cantante, pianista, arrangiatore, ha studiato flauto, chitarra, clavicembalo e b.c., è maestro di canto, direttore di coro e di ensemble da camera, regista e produttore.

Nella sua carriera ha cantato sia come controtenore che come basso-baritono coprendo, con la sua estensione vocale, un incredibile range di settantadue note (sei ottave) dalle più gravi contrabasse alle più estreme sovracute del soprano lirico leggero.

Da sempre si esprime anche attraverso le arti figurative in qualità di pittore e scultore con quadri che hanno avuto notevole apprezzamento di critica. In passato si è anche cimentato nella scrittura di poesie e racconti.

Oltre gli studi musicali ha conseguito il titolo di perito tecnico industriale capotecnico in telecomunicazione sperimentale (progetto Ambra) con la votazione di 60/60 presso l'I.T.I.S. G.Galilei di Roma (per il quale ha elaborato, durante gli studi, una serie di programmi informatici per le applicazioni matematiche, in particolare per la risoluzione di equazioni differenziali del secondo ordine) successivamente ha frequentato con profitto il bienno di Fisica presso l'Università la Sapienza di Roma, interrompendo poi gli studi per trasferirsi in Svizzera a perfezionare il suo percorso musicale.

Ha frequentato numerosi corsi di recitazione ed ha partecipato con successo a varie produzioni teatrali semiprofessionali interpretando, tra gli altri, il complesso ruolo di Callimaco nella Mandragola del Machiavelli, inoltre è stato selezionato più volte per importanti video pubblicitari tra i quali spicca quello per la rinnovata azienda statale delle ferrovie federali svizzere (autunno 1993). La sua esperienza nel mondo dello spettacolo lo ha visto anche agente di moda, tecnico delle luci e del suono per produzioni teatrali di successo, trasformista e PR. 

Da giovane è stato attivo sportivo impegnato nel nuoto, nella arti marziali ed in particolare nell'atletica leggera.

Ha praticato il jujitsu ed il judo arrivando a conquistare la cintura nera di palestra alla giovane età di dodici anni.

Nell'atletica leggera è stato atleta di livello nazionale nelle categorie giovanili, grazie alla guida del fenomenale tecnico Sergio Baldini, nella sua specialità di salto triplo (14,64 m) ed in quelle di salto in lungo (6,87 m) e dei 100 metri (11"1); nel 1990 è stato settimo ai campionati italiani promesse indoor di Firenze ed ottavo ai campionati italiani outdoor di Bressanone, dal 1986 al 1990 ha vinto ben nove medaglie ai campionati regionali di categoria oltre a varie decine di successi in importanti trofei come il primo posto assoluto al Trofeo Nazionale Città di Rieti (1987) ed al Trofeo Nazionale Coppa del Litorale (1988). Oltre ad aver ottenuto il "minimo" per i campionati italiani nel salto triplo per tre anni consecutivi nel 1990 è entrato nell'esclusivo Club Giovani istituito dalla Fidal per i migliori atleti giovani di livello nazionale ottenendo così la possibilità di frequentare importanti raduni con allenatori di spicco del settore dei salti.

A tutt'oggi il suo nome è ancora nelle graduatorie provinciali All Time ed è primo della lista in vari anni nella specialità del salto triplo.

Da sempre amante della natura, ha coronato il sogno di vivere in campagna condividendo con suo marito Giancarlo un sano ambiente bucolico dedicandosi agli animali ed alle piante in compagnia dei suoi splendidi sei esemplari di pastore tedesco di taglia gigante.